Fantapazz News

Il Bologna espugna il Bentegodi, crisi Verona

Il Bologna vince in rimonta 3-2 contro un brutto Verona ed esce dal Bentegodi con tre punti.

Cosa aspettarsi dal match?
Il Monday Night della tredicesima giornata di Serie A vedrà opposte Verona e Bologna e, sebbene possa non essere un incontro di primissimo spessore, in realtà ha molto da offrire, soprattutto poiché entrambe le compagini sono alla ricerca di punti salvezza. Da una parte troviamo i veneti, che sono reduci da 4 sconfitte consecutive ed hanno incassato ben 10 reti in altrettante gare, e sono dunque in cerca di riscatto. Guidati dal tecnico Fabio Pecchia, che non può permettersi altri passi falsi dato che la sua posizione è già molto instabile, i gialloblù, secondo peggior attacco del campionato, hanno trovato in Giampaolo Pazzini il loro punto di riferimento, autore finora di 4 gol, ma hanno evidenziato diverse lacune, soprattutto nella fase difensiva.

Dall’altra parte, il Bologna non si presenta affatto meglio in quanto nelle ultime 4 gare disputate è arrivato lo stesso numero di sconfitte del Verona, anche se gli emiliani hanno tenuto botta a Roma e Lazio perdendo di misura. Dopo la pesante sconfitta in rimonta contro il Crotone, gli uomini di Donadoni sono alla ricerca di fiducia e, nell’attesa che vadano a segno con continuità Palacio e Destro, quest’ultimo ancora a secco, si affidano all’estro di Simone Verdi. Dotati di una solida difesa, quest’anno non sembrano i maggiori indiziati alla retrocessione, ma le sorprese sono dietro l’angolo, perciò bisogna mantenere alta la guardia.

Formazioni ufficiali

VERONA – Nicolas; Caceres, Caracciolo, Heurtaux, Fares; Romulo, Zuculini, Buchel, Verde; Cerci, Pazzini.

BOLOGNA – Mirante; Krafth, Gonzalez, Helander, Masina; Poli, Pulgar, Donsah; Verdi, Palacio; Destro.

Pochissime novità nei rispettivi 11 titolari, con il Bologna che sostituisce l’infortunato Di Francesco con Destro, e con Palacio che va a fare l’esterno d’attacco, mentre il Verona schiera Buchel a centrocampo e scende in campo con un 433 identico a quello dei loro avversari, con Verde che va a comporre il tridente offensivo insieme a Cerci e Pazzini.

Primo tempo

Nella prima frazione di gioco, il ritmo è subito alto, non a caso ci sono contrasti decisi fin dai primi minuti ed entrambe le squadre cercano di prevalere sull’avversario. Dopo soli 12′ è il Verona a portarsi in vantaggio grazie al colpo di testa di Cerci, che sfrutta al meglio il cross al bacio di Fares ed un’uscita non perfetta da parte di Mirante. La reazione degli emiliani, però, non tarda ad arrivare e, a distanza di 10 minuti dal vantaggio gialloblù, arriva il pareggio firmato Destro, che riceve da Palacio e non può sbagliare a tu per tu con Nicolas. Il Bologna sfiora addirittura il pareggio appena 2 minuti dopo su calcio d’angolo, ma è ancora una volta il Verona ad avere la meglio e, nuovamente su un cross, questa volta di Verde, arriva la rete di Caceres, che beneficia di una pessima respinta dell’estremo difensore rossoblu e spedisce in gol portando avanti i suoi. Il primo tempo finisce dunque così, senza particolari emozioni o sussulti.

Secondo tempo

I secondi 45′ di gioco manifestano sin dall’inizio le intenzioni delle due squadre, con il Verona che cerca di difendere il vantaggio ed il Bologna è costretto ad attaccare. Una svolta all’incontro prova a darla Donadoni che, per dare una scossa alla squadra, apparsa leggermente sotto tono, manda in campo il giovane Okwonkwo, per tutti Orji, e toglie Destro. I frutti di questa scelta non tardano ad arrivare e, al minuto 74, è proprio il giovane nigeriano a spedire la palla in rete su cross di Verdi. Questo gol dá morale alla squadra, ma non solo, infatti infligge al contempo una batosta non indifferente ai veneti, che, passati neppure 2 minuti, subiscono il gol del 2-3, messo a segno da Godfred Donsah, che raccoglie da Verdi e spara un bolide da fuori area. Malgrado la situazione di svantaggio, il Verona non riesce più a rendersi pericoloso e rimedia la quinta sconfitta consecutiva, che probabilmente costerà la panchina a Pecchia.

Assist

Piuttosto semplice la lettura questa sera

+1 Fares (gol di Cerci)

+1 Palacio (gol di Destro)

+1 Verdi (gol di Orji)

I migliori in campo

Verde (6,5): una costante spina nel fianco per i difensori rossoblu. Spesso sguscia via sulla fascia ed è proprio da lì che arriva il cross decisivo per il gol di Caceres.

Donsah (6,5): si fa vedere ma senz’altro eccellere nel primo tempo, sale in cattedra invece nel secondo e trascina la squadra alla vittoria, grazie anche ad uno suo tiro da fuori area, trasformatosi in gol.

I peggiori in campo

Mirante (5): bene ma non benissimo sul gol di Cerci a causa di un’uscita rivedibile, terribile sul gol di Caceres, arrivato per colpa di un suo tentativo di bloccare la sfera non andato a buon fine.

Fossati (5,5): subentra per aiutare la squadra in un momento delicato, ma sbaglia qualcosa di troppo e poi paga la situazione, andando a fondo insieme ai suoi compagni.

I voti più discussi

Verdi (6): primo tempo incolore, mai veramente nel vivo dell’azione e piuttosto spento; secondo tempo iniziato male, ma poi cambiato in positivo grazie all’assist per il gol del pari e ad una giocata che ha portato alla rete del 3-2.

Caracciolo (6,5): malgrado la sua squadra prenda 3 gol, lui resta uno dei migliori dei suoi. Sempre presente in fase difensiva, è attentissimo e non concede nulla, tenendo costantemente a bada Palacio e limitando i danni.

Helander (6): sempre pronto ad intervenire, risulta molto lucido ed anche in fase d’impostazione non disdegna. Sfiora il gol su calcio d’angolo, ma purtroppo non viene aiutato dai compagni di reparto e dunque il voto non è altissimo.

Fares (5,5): parte alla grande sfornando l’assist per Cerci, ma poi si perde Destro in occasione del gol dell’1-1. Lotta come un leone e si batte in ogni angolo del campo, ma alla lunga cala e il voto scende.

Vuoi scrivere per noi?

Leghe Fantacalcio